NOCI - Una rosa per un libro: il Comune aderisce alla campagna di “Nati per Leggere”


In occasione del 23 aprile, Giornata Internazionale del Libro e del Diritto d’Autore, Nati per Leggere ha lanciato la campagna “Una Rosa per un Libro”, ispirandosi a un’antica usanza catalana: da più di 400 anni, in Catalogna, la tradizione vuole che il 23 aprile, giorno in cui si celebra San Giorgio, ogni uomo doni una rosa alla sua donna. Ancora oggi, librai e libraie della Catalogna prendono spunto da questa usanza e per ogni libro venduto il 23 aprile, regalano una rosa, organizzando così una vera e propria festa del libro e delle rose. Così, Nati per Leggere, ispirati da questa tradizione, hanno invitato anche i bibliotecari a donare una rosa simbolica per ogni libro preso in prestito. Il Comune di Noci ha inteso aderire alla campagna – che peraltro rientra anche nella rassegna Il Maggio dei Libri – e, a partire da domani e per tutto il mese di maggio, chiunque prenda in prestito un libro dalla Biblioteca Comunale “Mons. Amatulli” di Noci, riceverà un segnalibro con una rosa. «Si tratta di un gesto simbolico, ma in fondo di simboli abbiamo anche bisogno per superare questo momento – dichiara l’Assessore alla Socialità, Marta Jerovante. – Recuperando il significato del donare un fiore alla/al propria/o amata/o, possa giungere in questo mese a tutti i lettori questo fiore come una carezza. Ringrazio il Direttore della Biblioteca comunale Giuseppe Basile per la consueta disponibilità».