Cambia la Messa dal prossimo 29 Novembre

Via al nuovo messale: cambiamenti al «Padre nostro» e al «Gloria» e anche alla formula del congedo. E il sacerdote si rivolgerà ai fedeli dicendo «fratelli e sorelle». E' stato il Papa a suggerire la nuova traduzione del Padre Nostro.

Domenica sarà l’ultima con «vecchia» messa, ormai ci siamo: dal 29 novembre, prima domenica di Avvento, nelle chiese italiane si comincerà a recitare il Padre nostro dicendo «non abbandonarci alla tentazione» anziché «non ci indurre», il sacerdote si rivolgerà ai «fratelli e sorelle» dell’assemblea, e insomma nelle celebrazioni entrerà in vigore la terza edizione del Messale che sostituisce la precedente dell’83, con le relative modifiche decise dalla Cei. Il nuovo Messale sarà obbligatorio in tutte le parrocchie da Pasqua dell’anno prossimo, il 4 aprile 2021. Ma molte diocesi, sono già pronte a partire e hanno preparato i fedeli.

(ANSA)



Link amici

La Piazza - Periodico di vita cittadina
Reg. Tribunale di Bari n.1262 del 10/05/2013 Registro stampa n.8

Editore Ass. Culturale di promozione sociale "La piazza"

Sede Legale C.so Trieste e Trento, 23 70011 Alberobello (BA)
Direttore responsabile: Domenico Giliberti

© 2017 | Sito web a cura di Nemus Insediamenti Creativi