top of page

ALBEROBELLO – Scuola, una ripresa difficile

Il travaglio del tempo che viviamo, è a tutti noto, coinvolge tutti gli aspetti della vita sociale, familiare, lavorativa. La scuola non è esente da questo tempo difficile e, la sua ripresa, appare tormentata. Per quanto riguarda il nostro paese, una delle difficoltà che sta emergendo è quella del servizio mensa. A questo proposito abbiamo ricevuto – e pubblichiamo - la nota di un genitore che correttamente si firma.

“Partiamo dal presupposto che ad oggi il piano formativo non è completo in quanto non erano partiti i rientri, (29 ore), per le prime, né tantomeno il tempo prolungato con rientro tutti i pomeriggi. Questo su tutti i plessi, anche scuola dell’infanzia, causa mensa non ancora attiva. Ill 23.12.20 c’è una delibera di Giunta per la nomina della commissione mensa, a fine primo trimestre inoltrato. La dirigente, in data 13.01.21, prende la decisione di iniziare senza mensa, l’orario definitivo con i rientri previsti (di certo per non perdere il corpo docente a causa delle ore non svolte). Non avendo attivato la mensa, e non avendo nessuna previsione certa di inizio della stessa: nella scuola dell’infanzia mio figlio dovrebbe mangiare per cinque volte a settimana un pasto freddo, panini etc, perché ovviamente le insegnanti non possono seguirli adeguatamente, altrimenti dovrei andare a prenderlo e riportarlo facendolo mangiare a casa, ma non essendo scuola dell’obbligo. Il problema sussiste alle elementari, dove il disservizio è minimo per le classi con un solo rientro settimanale (stesso discorso di sopra) diventa “una tragedia” per le sezioni del tempo prolungato, con questa rogna cinque giorni su cinque”.



Comments


bottom of page