Innovazione batte tradizione 1 – 0

Una metafora calcistica che calza a pennello ad una situazione paradossale quanto profonda, inizialmente imposta da una necessità sanitaria, ma che ora sta assumendo dimensioni di grave conflitto di opportunità e/o di sopravvivenza. Ci riferiamo all’ormai acclarata chiusura del mercato settimanale del giovedì, quello delle merci varie, che purtroppo, nonostante tutto stia tornando alla normalità, per la nostra comunità ancora resta una situazione irrisolvibile. La volontà dell’Amministrazione comunale di voler approfittare del momento e di voler spostare tutta l’area mercatale in zona campo sportivo, come già fatto da un paio di settimane per quello ortofrutticolo, non è di gradimento degli operatori che vorrebbero conservare le proprie postazioni di Piazza del Popolo, di Corso Vittorio Emanuele e di Largo Martellotta. A detta loro lo spostamento porterebbe ad una perdita consistente delle vendite, tesi attestata anche dai loro colleghi “verdurai”. La lontananza porterebbe alla rinuncia di diversi cittadini che, invece, erano abituati a frequentare il mercato. La querelle metterebbe a nudo anche la storia, se si considera che il mercato settimanale di Alberobello vanta una anzianità di oltre trecento anni. E’ vero il progresso porta il consumatore verso nuovi lidi, ivi compreso quel mercato telematico che sta cancellando la storia dei popoli, ma la storia è storia. Abbiamo il coraggio di non distruggere anche questa?

Link amici

La Piazza - Periodico di vita cittadina
Reg. Tribunale di Bari n.1262 del 10/05/2013 Registro stampa n.8

Editore Ass. Culturale di promozione sociale "La piazza"

Sede Legale C.so Trieste e Trento, 23 70011 Alberobello (BA)
Direttore responsabile: Domenico Giliberti

© 2017 | Sito web a cura di Nemus Insediamenti Creativi