Lopalco, la sicurezza non può essere affidata alla distanza fra ombrelloni

May 14, 2020

"La sicurezza non può essere affidata alla distanza tra ombrelloni". Il documento Inail-Iss sugli stabilimenti balneari, "non è un protocollo obbligatorio, ma sono indicazioni generali, sulla base delle quali è opportuno fare protocolli concreti anche valutando la fattibilità". Lo ha spiegato, ad Agorà sui Rai 3, Pierluigi Lopalco, responsabile del Coordinamento Regionale Emergenze Epidemiologiche Puglia. La ratio che sta dietro al documento "è che la distanza necessaria in spiaggia è maggiore rispetto a quella che c'è in metro, perché in spiaggia si sta senza mascherina". Ma bisogna "mettere su un sistema che arrivi a garantire un buon distanziamento, considerando che andare in spiaggia è un'attività all'aria aperta e c'è un sole forte che riduce l'attività del virus".

 

In Puglia, ha concluso, "stiamo piuttosto prendendo in considerazione l'occupazione per metro quadro di ogni singolo bagnante, per capire quante persone possono stare contemporaneamente in spiaggia senza creare assembramenti".
(ansa.it)

Condividi su Facebook
Twitta
Ti piace questo articolo?
Please reload

Please reload

Link amici

La Piazza - Periodico di vita cittadina
Reg. Tribunale di Bari n.1262 del 10/05/2013 Registro stampa n.8

Editore Ass. Culturale di promozione sociale "La piazza"

Sede Legale C.so Trieste e Trento, 23 70011 Alberobello (BA)
Direttore responsabile: Domenico Giliberti

© 2017 | Sito web a cura di Nemus Insediamenti Creativi