Umanesimo della pietra

E' in edicola il numero unico de "Umanesimo della pietra" edizione luglio 2018, l'ultimo lavoro del gruppo martinese.

La rivista, come da tradizione, severa nell'analisi storica di quanto viene pubblicato, in questo numero, dopo l'editoriale del fondatore Domenico Blasi, che evidenzia come nel quarantunesimo numero vi sono solo sei saggi (sic!) "tutti molto ampio ed estremamente specialisti", presenta gli studi di

Giovanni Brescia "Note storiche e documentali su alcune contrade di Monopoli - una secolare trasformazione insediativa del territorio", prosegue Giovanni Liuzzi con "Demani e mezzadri nel cinquecento - prima parte- l'attuale territorio di Locorotondo nel libro del Santacroce (1567-1568)"; Giovanni Sonnante analizza le "Risorse e sfruttamento produttivo del territorio- note sulla suinicoltura dal medioevo al 1799 nell'anfiteatro tarantino e nelle murge"; Antonio Vincenzo Greco con due saggi il primo espone gli "Effetti delle risorse naturali sull'economia del territorio- il commercio della neve nel XVII-XVIII secolo fra murgia e Taranto" e nel secondo la "Scoperta e valorizzazione del territorio- XII gran tour della terra delle gravine il cammino del doganiero"; Antonio Fanizzi, infine, analizza "Una prestigiosa dimora nobiliare di campagna: il Castello Marchione".

In edicola a 6 euro.