Verità processuale

Abbiamo ricevuto in redazione il comunicato da noi pubblicato ieri della Confedercontribuenti – Puglia che evidenziava "salva immobile a famiglia alberobellese". [Vedi articolo]

La verità processuale è, come si legge anche nello stesso comunicato, che il giudice ha sospeso la esecutività del provvedimento di vendita dell'immobile per ridefinire il debito che non è stato cancellato e che quindi deve essere comunque pagato. Difatti alle parti in causa sono stati concessi 60 giorni per presentare le proprie deduzioni e per entrare nel merito della quantizzazione del debito secondo la normativa in materia. La procedura prevede la nomina di un perito per definire appunto l'ammontare esatto del dare fra sorte capitale e quota interesse.

Quindi nessuno salva l'immobile, e il procedimento di esecuzione della vendita rimane valido e procede il suo iter giudiziario.

Ci scusiamo con i nostri lettori per non avere dato una informazione processualmente corretta.