Bari: un test per riconoscere prima le leucemie

January 26, 2018

Un test per raggiungere direttamente la cellula leucemica. Per giunta poco costoso, e quindi di facile applicabilità in laboratorio. Un gruppo di ricercatori baresi sostenuti economicamente da Ail – Associazione italiana contro le leucemie – è riuscito ad arrivare direttamente alla fonte della leucemia mieloide cronica, malattia che in Puglia fa registrare 70 casi all’anno.

E se finora la patologia poteva paragonarsi a un’auto in corsa che sembrava irraggiungibile, adesso qualcuno è riuscita ad acciuffarla: “Si è sempre lavorato sulle proteine che una cellula leucemica rilascia e che però danno informazioni indirette sulla malattia – spiega Francesco Albano, supervisore dello studio – invece con il nostro test i pazienti potranno finalmente prendere

decisioni più mirate sulla loro terapia”.

Il gruppo di ricerca ha pubblicato i risultati sulla rivista Oncotarget: oltre ad Albano, è composto da ricercatori fra i 28 e i 30 anni dell’Unità operativa semplice “Terapie innovative integrate con le tecnologie biomolecolari”, afferente all’Unità operativa complessa di Ematologia con trapianto dell’Università di Bari, diretta da Giorgina Specchia.

 

 

 

Condividi su Facebook
Twitta
Ti piace questo articolo?
Please reload

Please reload

Link amici

La Piazza - Periodico di vita cittadina
Reg. Tribunale di Bari n.1262 del 10/05/2013 Registro stampa n.8

Editore Ass. Culturale di promozione sociale "La piazza"

Sede Legale C.so Trieste e Trento, 23 70011 Alberobello (BA)
Direttore responsabile: Domenico Giliberti

© 2017 | Sito web a cura di Nemus Insediamenti Creativi